"SAGNE ‘NCANNULATE “ PAPPARDELLE ATTORCIGLIATE


E’ sempre festa in tavola quando c’è la pasta fatta in casa. Questo è un piatto tipico pugliese che piaceva  tantissimo a mio padre ed anche ai miei fratelli. Ed è infatti per uno di loro che le faccio spesso, e le mangiamo tutti con immenso gradimento. Sono facili e veloci da realizzare, non è altro che una pappardella arrotolata fra le mani  nelle sue estremità e poi piegata in quattro. Provate a farle anche voi. Enrica

"SAGNE ‘NCANNULATE “ PAPPARDELLE ATTORCIGLIATE 

INGRADIENTI
Per 4 persone

200 gr di farina di grano duro 
100 gr di farina 00
120 cl di acqua circa (comunque mettetene per ottenere una pasta elastica e morbida)

PREPARAZIONE


Mettete in una ciotola le due farine e mescolate bene. Aggiungete un po’ alla volta l’acqua fino al raggiungimento di una pasta morbida ed elastica. Versatela quindi su una spianatoia e lavoratela per almeno 15 minuti.


Trascorso questo tempo avrete ottenuto una pasta uniforme e liscia. Mettetela sotto un panno a riposare per una mezz’oretta. 


Riprendete la pasta, tagliatela in 4 parti e con ognuna di esse, fate una sfoglia abbastanza sottile. Potete ottenerla sia con il mattarello o con la macchina della pasta.


Ottenuta la sfoglia infarinatela bene, ripiegatela su se stessa e tagliate delle pappardelle di circa un cm di largo ognuna, poi prendete una pappardella alla volta per una estremità e arrotolatela fra le due mani, e fate lo stesso con l'altra estremità, poi piegatele in 4 ed il gioco è fatto.



Stendetele su un ripiano infarinato e lasciatele seccare per un’oretta. Potete conservarle poi in frigorifero anche per 2 o 3 giorni.

Nessun commento:

Posta un commento

Cercheremo di rispondervi a breve. Grazie per visitare il nostro blog.