Stampa la ricetta
MARMELLATA DI ARANCE

Personalmente considero quello dell’arancia il sapore della vita. Questa marmellata è senza dubbio la migliore in assoluto. Un po’ impegnativa da preparare, devo essere sincera, non solo per le tempistiche, ma anche per alcuni accorgimenti importani che vanno tenuti in considerazione. Sono comunque certa che il risultato ripagherà tutto il tempo investito. La marmellata di arance è veramente fantastica e, dopo averne preparata una, ne preparerete tante altre ancora.

RICETTA DI MARMELLATA DI ARANCE

Ingredienti per un recipiente da 350 ml

 

  • 4 arance grandi (circa 600 g. di polpa).
  • 300 g. di zucchero.
  • 250 ml di acqua.

VIDEORICETTA DELLA MARMELLATA DI ARANCE

RICETTA PASSO PASSO

Vi suggerisco di acquistare arance biologiche certificate o con buccia edibile, perché per questa preparazione useremo anche la parte esterna della buccia. Lavatele sotto acqua una per una  per eliminare qualsiasi traccia di impurità. Punzecchiatele poi con una forchetta e mettetele in una ciotola capiente. Copritele d’acqua e lasciatele riposare per 2 giorni, cambiando l’acqua 2 o 3 volte al giorno. Trascorso questo tempo, sbucciate le arance e conservate parte della buccia.

Successivamente con uno spelucchino (coltello da lavoro molto utilizzato in cucina, con lama corta molto affilata) togliete tutto l’albedo, ovvero quella pellicina bianca che ricopre l’arancia e che le conferisce un sapore amarognolo. Tagliate l’arancia a pezzettini, cercando di conservare tutto il succo rilasciato. Eliminate eventuali semi, se ci sono.

Mettete i pezzetti d’arancia in una pentola con il loro succo e lo zucchero. Uno dei motivi che mi spinge a preparare le marmellate e le confetture a casa è proprio quello di ridurre i conservanti e gli zuccheri che si trovano nei prodotti presenti in commercio. Lo zucchero, oltre a dolcificare il composto, ha il compito di agire  da conservante e non permette la fermentazione della frutta. Non adopero mai gli stessi quantitativi  di zucchero suggeriti nelle  ricette che si trovano sul web, dove la proporzione dovrebbe essere uno a uno. Nonostante questa mia scelta, non ho mai riscontrato qualche problema di conservazione. Se conservate la marmellata in frigorifero, ed il suo consumo avviene a breve termine (circa un mese), questo problema non si dovrebbe presentare. Aggiungete l’acqua.

Nel frattempo prendete le bucce di un’arancia, eliminate tutto l’albedo in eccesso con un coltellino molto affilato fino a quando i pori della buccia saranno visibili.

Tagliatele a julienne molto sottili e aggiungetele al composto. Mescolate bene il tutto e lasciate cuocere a fuoco lento per circa 35 minuti.  Con una schiumarola eliminate la schiuma che si forma sulla superficie.

NB: Se  il giorno dopo vi rendete conto che la consistenza della marmellata non è quella desiderata, e dovesse essere molto dura, fatela cuocere di nuovo con un po’ d’acqua e invasate di nuovo.  Non  arrendetevi. Un giorno saprete prepararla ad occhi chiusi!!!

NB: La pectina naturale, sostanza che serve per aiutare la gelatinizzazione delle conserve o marmellate, non viene impiegata nella marmellata d’arance poiché gli agrumi rilasciano un quantitativo di pectina che aiuta questo processo anche dopo la conservazione.  Per altre confetture usate la pectina naturale, ricetta che troverete nel nostro blog.

Stampa la ricetta