Stampa la ricetta
POLENTA GIALLA

La polenta gialla è un impasto a base di acqua e farina di mais. Conosciuta in tutta Italia e preparata in forme diverse, è un piatto antichissimo appartenenente alla cucina povera. Il suo colore giallo intenso è dovuto alla tonalità del mais (granoturco). La farina di mais utilizzata per questa ricetta è quella ricavata dalla macinatura a pietra, chiamata anche Bramata. Una farina a grani grossi con la quale si prepararava originariamente la polenta gialla. Oltre al mais ci sono anche altri tipi di farina utilizzati nella preparazione della polenta, come per esempio il  grano saraceno, che dà a questo piatto un colore più scuro, un aspetto più rustico e una consistenza più soda. La tradizione dice che la polenta dovrebbe essere cucinata in un paiolo, un recipiente di rame o di ghisa che diffonde in maniera uniforme e ottimale il calore, dando alla polenta la cottura adeguata e che dovrebbe essere rimestata o mescolata con un cucchiaio di legno di nocciòlo chiamato Cannella o Tarello. Oggi è sufficiente essere dotati di una pentola  in acciaio e un cucchiaio di legno normale. Come ripeto spesso… non dobbiamo diventare matti... nessuno guarderà la vostra pentola davanti a una buona polenta!  Cuocere la polenta comporta una cottura prolungata, di circa un’ora, ma si trovano tantissime tipologie di farine precotte che riducono considerevolmente i tempi di cottura. Io, sono pratica, lo sapete… e a meno che non ci sia un’occasione veramente speciale, la farina precotta viene molto utilizzata nel quotidiano,  perché se è vero che il sapore sicuramente lascia un po’ a desiderare,  è anche vero che la velocità con la quale si prepara e si può servire a tavola compensa questa defaillance.  La ricetta che troverete qui di sguito segue quella originale. Nata e cresciuta in una famiglia veneta da parte di mio padre, la polenta ha fatto parte della mia tradizione culinaria da sempre.  Mia nonna preparava spesso anche la polenta bianca tipica di questa zona.  A questo punto direi… “basta chiacchiere” e andiamo a preparare la nostra polenta.

POLENTA GIALLA RICETTA

Valori nutritivi per porzione

  • 451 calorie
  • 96.3 g. carboidrati
  • 5 g. grassi
  • 8.8 g. proteine

Ingredienti per 4 persone

  • 500 g. di farina di mais macinata a pietra (Bramata)
  • 2 lt acqua
  • Sale q.b.

POLENTA GIALLA VIDEORICETTA

RICETTA PASSO PASSO

FARINA DI MAIS

Le quantità di farina possono variare a seconda dei nostri gusti. Per esempio, nel mio caso, adoro la polenta più morbida, dunque devo aumentare leggermente i quantitativi d’acqua per renderla più fluida. I valori di riferimento che trovate sugli ingredienti sono un punto di partenza. Con la pratica diventerete più esperti e scoprite bene i vostri gusti, così da poter bilanciare i quantitativi per renderla più morbida o più soda.  Per chi è già veterano, la farina di mais può anche essere messa senza dover misurare né pesare nulla, si dosa in base all’esperienza.   Per le farine precotte invece, vi suggerisco sempre di controllare le indicazioni che troverete sulla confezione, visto che ci sono infinite varietà, marchi, tipi, ecc. di farine di mais.  Anche in questo caso, le prime volte, seguite alla lettera quello che vi suggeriscono in etichetta per poi andare a modificare i quantitativi a piacimento a seconda dei vostri gusti.

1-In una pentola profonda in acciaio inossidabile versate l’acqua, 2-salate a piacimento e attendete finché le bollicine iniziano a formarsi nel fondo. Alcuni suggeriscono di versare la farina in acqua bollente, io invece la verso un po’ prima.  3-Quando notate le bollicine formarsi nel fondo della pentola potete incominciare a versare la farina di mais a pioggia, molto lentamente, e allo stesso tempo dovrete mescolare senza fermarvi. All’inzio dovrete mescolare molto velocemente per evitare la formazione di grumi.

ricetta passo passo polenta gialla 1

4- Molto rapidamente vedrete come la farina di mais inizierà ad assorbire l’acqua, diventando un composto spesso e cremoso. A questo punto dovrete avere pazienza e  rimanere di fronte alla vostra pentola per circa 50 minuti o un’ora.  6- L’impasto incomincerà a formare dei piccoli crateri che rilasciano vapore molto caldo e che spingono la polenta verso l’alto. State molto attenti a non scottarvi.  Mescolate molto ma molto bene e in continauzione.  Visto che questa è una ricetta tipica dei giorni più freddi, stare vicino ai fornelli diventa un momento molto gradevole. Riscalda il corpo e l’anima. 6- A cottura ultimata, la polenta avrà formato una leggera crosticina sul fondo e sui bordi della pentola, facilmente visibili spostando l’impasto con il cucchiaio.  Disponete una tagliere o asse di legno preferibilmente rotondo e versateci con molta cura la polenta.

7- Servitela a tavola bella calda e 8-9 – abbinatela a piatti come : fagioli e salsiccia, fegato alla veneziana, baccalà alla vicentina, ossobuco, o altri secondi piatti cucinati in umido. Potete anche abbinarla a formaggi come il Gorgonzola per esempio o fare come me: mangiarla da sola godervi  il suo sapore, che anche se neutro… è fantastico, ed io lo adoro!

POLENTA GIALLA

Gli errori da evitare, sveliamo i segreti

Per evitare qualsiasi errore al momento di preparare la polenta dovrete tenere conto di alcuni piccoli accorgimenti: 1- Dovrete dosare molto bene il sale, una polenta sapida è veramente disgustosa, visto in oltre che normalmente è abbinata a pietanze piuttosto sapide. Dovrete andare un po’ leggeri quando di sale si parla.  2- Le quantità di farina e acqua sono determinanti. Stabilite rapidiamente quali sono le quantità che considerate più consone ai vostri gusti.  Vi lascio comunque questi valori di riferimento: Per una polenta soda – 300 g. di farina gialla per 1 lt d’acqua – Per una polenta media – 250 g. di farina gialla per 1 litro d’acqua  e per una polenta morbida – 200 g. di polenta gialla per 1 litro d’acqua.  3- La qualità degli ingredienti utilizzati per qualsiasi ricetta è fondamentale per ottenere buoni risultati ma quando si preparano ricette con pochissimi ingredienti, come in questo caso, allora la scelta degli ingredienti deve essere accuratissima. 4- I tempi di cottura sono molto importanti, abbiate pazienza… il risultato pagherà la vostra attesa e il vostro lavoro.

Stampa la ricetta